Presentazione Carnevale 2017

2 Dicembre

Stelle di cartone
Venerdì 2 dicembre alle ore 19.30 presso il Teatro Garibaldi di Gallipoli, la Fabbrica del Carnevale e l’Amministrazione comunale di Gallipoli, Assessorato al Turismo, presentano il programma del Carnevale 2017. 

Durante la serata verranno eletti Re Candallino e Regina Mendula Riccia della 76° carnevale di Gallipoli, verrà presentato il promo del Carnevale e verrà presentato il programma 2017 del Carnevale. 

La serata aprirà con il saluto dell'amministrazione comunale, in persona dell'assessore Rag. Emanuele Piccinno. Durante la serata verrà presentato il tema ed il promo del 76° Carnevale di Gallipoli. 

La serata sarà presentata dalla bravissima Alessia Cuppone. 

Durante la serata ci sarà il saluto dell’Amministrazione Comunale e l’intervento dell’assessore Emanuele Piccinno. Sarà rinsaldata la proficua collaborazione con l’Istituto E. GIANNELLI di Parabita, realizzatore nella passata edizione dell’inno del Carnevale. 

La Fabbrica del Carnevale è nata nel febbraio 2013 con lo scopo primario di far crescere e far ritornare in auge il carnevale di Gallipoli. L’associazione al suo interno può contare sulla bravura ed esperienza dei maestri cartapestai gallipolini, su una direzione artistica che svilupperà con estro e fantasia il filo conduttore unico di tutti gli eventi della kermesse Carnascialesca e di un ufficio stampa che cura i rapporti con l’esterno e la promozione del Carnevale, puntando a farlo diventare l’evento cardine per promuovere la destagionalizzazione nel periodo tra Natale e Pasqua. 

Per la kermesse invernale sono previste una solenne cerimonia di apertura con la “Festa del Fuoco” il 17 gennaio 2017, domenica 12 febbraio 2017 partono i festeggiamenti con l’Open Day del Carnevale, presso i Capannoni. 

Le sfilate sono previste domenica 19 e 26 febbraio e martedì 28 febbraio 2017. Le sfilate muoveranno dalle ore 11.00 alle 20.00 . Il Martedì Grasso, ci sarà, inoltre, la solenne cerimonia di chiusura del Carnevale, dalle 21.00 sul sagrato della Chiesa di san Francesco d’Assisi. 
 
Ultimo aggiornamento: 02/12/16