Assessore Vincenti su Mercato Ittico

Stemma Gallipoli
Giunge in queste ore a compimento il brillante percorso di regolarizzazione e valorizzazione del Mercato ittico al dettaglio, tradizionalmente noto come 'Mercato del pesce', che, stagliandosi alle porte del borgo antico, è un tassello fondamentale della storia della comunità gallipolina. Un percorso articolato e complesso, la cui centralità è stata colta immediatamente dall'Assessorato al demanio e patrimonio competente che, sin dal suo insediamento, ha rivolto al comprensorio la massima attenzione. Un'eredità difficile quella passata alla nuova Amministrazione, il cui punto di partenza non era certamente incoraggiante. Pochi controlli, morosità nel versamento dei canoni per l'utilizzo dei box, spazi fruiti impropriamente, confusione nelle modalità di esercizio delle attività. A porre un freno alla situazione già fortemente compromessa, è poi intervenuta, nel mese di Luglio del 2017, un’operazione congiunta delle varie Forze di Polizia, che ha portato alla denuncia di alcuni esercenti per occupazione abusiva di area demaniale marittima esterna ai box in concessione, con conseguente sequestro delle porzioni interessate. La macchia tangibile di una disattenzione trascinata negli anni sono le transenne, che tristemente da mesi delimitano appunto le aree sottoposte a sequestro. In questo scenario nebuloso si è inserito l'impegno dell'odierno Assessorato al demanio e patrimonio, volto a regolarizzare e, contestualmente, a valorizzare l'intero compendio.

Ecco, allora, che già nell'anno 2016 è stata avviata, su impulso dell'Assessore Dario Vincenti, l'attività di ricognizione e di recupero delle somme dovute a titolo di canone per l'utilizzo dei box assegnati in concessione. Ma sono stati, al tempo stesso, fissati obiettivi ben più ambiziosi. In primis, a fronte di un Atto di sottomissione oneroso del 2004, assentito dall'allora competente Capitaneria di Porto di Gallipoli per la ristrutturazione e gestione del compendio, la Sezione Demanio del Comune ha inoltrato alla stessa Autorità marittima la richiesta di assegnazione dell'area in regime di consegna gratuita, a seguito della predisposizione della corposa documentazione tecnica necessaria. Ebbene, questo percorso è giunto brillantemente a compimento, essendo già stato comunicato dalla Capitaneria di Porto la conclusione favorevole dell'iter istruttorio, con l'acquisizione anche del parere favorevole del Superiore Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Non solo. L’obiettivo precipuo dell’Ente è stato quello di salvaguardare, migliorare e valorizzare le attività svolte presso il Mercato, che, in un contesto di grave difficoltà e crisi economica a livello nazionale, sono espressione della storia e della identità economica e culturale della Città, e che rappresentano un polo dotato di fortissima attrattività turistica. È stato, così, immaginato di dotare il Mercato del pesce di un Regolamento ad hoc, che potesse disciplinare in maniera inequivoca l'attività svolta all'interno dei box e l’utilizzo delle aree esterne.

È stato, dunque, instaurato un dialogo proficuo con il Dipartimento di Prevenzione della Asl di Lecce che, interpellata all'uopo dalla Sezione Demanio del Comune di Gallipoli, ha definitivamente chiarito la tipologia e le modalità di esercizio delle attività nei box ubicati all’interno della struttura, esplicitando cosa si può e non si può fare sia all'interno che all'esterno dei locali. Partendo dal tipo di attività consentita, in nessun modo ricollegabile a quella di somministrazione, è stato pertanto costruito un regolamento dedicato, contenente tutte le prescrizioni di dettaglio. Tale Regolamento, disciplinante l’organizzazione ed il funzionamento del compendio demaniale marittimo, ai fini della valorizzazione dello stesso, è stato approvato nella seduta del Consiglio Comunale del 19 aprile 2018. L’intendimento di quest’Amministrazione è stato, altresì, quello di valorizzare il compendio demaniale marittimo e le attività ivi ubicate anche mediante la sistemazione dell’area esterna antistante ai box, tramite il posizionamento di arredi di facile rimozione, atti a soddisfare l’esigenza collettiva di una migliore e più agevole fruizione della struttura, e che devono essere dunque asserviti gratuitamente alla pubblica utilità. 

Proprio in queste ultime ore, è stata approvata dalla Giunta Comunale la Delibera che, in esecuzione dell'art. 13 del Regolamento approvato, dà gli opportuni indirizzi ai fini della collocazione degli arredi di facile rimozione a cura dell'Ente nell'area esterna ai box, già individuata specificamente nella planimetria allegata allo stesso Regolamento, che consentiranno anche un migliore godimento dei beni architettonici sui quali l’area mercatale si staglia. Pertanto, a breve, espletate le procedure amministrative connesse, l’area in questione sarà attrezzata con il posizionamento di arredi di facile rimozione. La ricognizione sul versamento dei canoni, la consegna gratuita dell’intero compendio, l'approvazione del nuovo Regolamento comunale scaturito dalla sinergia con il Dipartimanto di Prevenzione della ASL di Lecce, il previsto posizionamento di arredi di facile rimozione, pongono le basi per un nuovo corso nella vita di una delle realtà più caratteristiche e peculiari della comuntà gallipolima. Un nuovo inizio, all'insegna della legalità e della chiarezza delle norme. “Esprimo la mia più grande soddisfazione per il percorso brillantemente portato a compimento, che ci ha visto impegnati nella definizione di una situazione complessa, nella quale confluiscono ambiti di competenza e normative differenti.

Molteplici sono stati i profili da valutare ed è stata necessaria un’attenta e lungimirante attività di coordinamento dei vari profili. Rivolgo, a tal proposito, il mio più riconoscente ringraziamento alla Sezione Demanio e Patrimonio del Comune, nella persona della Responsabile Dott.ssa Paola Vitali, che ha saputo recepire al meglio gli obiettivi ambiziosi dell’Amministrazione, traducendoli nella complessa attività amministrativa conseguente, garantendo il raggiungimento dei risultati prefissati. Un ringraziamento doveroso sento, altresì, di rivolgere al Consigliere Capogruppo Gianpaolo Abate, che ha accompagnato quotidianamente e con passione ed impegno il percorso degli Uffici verso il celere raggiungimento di questo traguardo. Ritengo che questo sia un risultato entusiasmante, faticoso ma estremamente appagante per il bene della comunità gallipolina”. 

Ultimo aggiornamento: 29/06/18