Gallipoli, le Storie - Domani online il quarto episodio dedicato alla Chiesa di San Francesco D'Assisi

Il Comune di Gallipoli, Assessorato alla Cultura, propone il format “Gallipoli, Le Storie.” che racchiude, grazie al web, i piccoli tesori della città. Domani 18 dicembre alle ore...

Gallipoli, le Storie - Domani online il quarto episodio dedicato alla Chiesa di San Francesco D'Assisi

Dettagli della notizia

Il Comune di Gallipoli, Assessorato alla Cultura, propone il format “Gallipoli, Le Storie.” che racchiude, grazie al web, i piccoli tesori della città.

Domani 18 dicembre alle ore 10 sarà online il quarto episodio, sul canale Facebook e sul canale YouTube del comune di Gallipoli, dedicato alla chiesa di San Francesco d’Assisi.

La costruzione barocca del centro storico di Gallipoli è nota per la cappella del Crocifisso, costruita per volontà del castellano spagnolo don Josè della Cueva, con le due statue lignee dei Ladroni, opera settecentesca di Vespasiano Genuino. 

In particolare, la statua che raffigura Misma, comunemente nota come Malladrone, si distingue per il realismo nella resa del volto, rappresentato con un'espressione beffarda e terrificante che colpì anche Gabriele D’Annunzio nel lontano 1895 che la definì “orrida bellezza.”

A narrare la nuova storia il giovane Michele Busti, classe 1996. Dopo il conseguimento del diploma in Scienze Umane presso il Liceo Quinto Ennio di Gallipoli, sentendosi chiamato al discernimento vocazionale, intraprende la strada seminariale, prima presso il Propedeutico Regionale e dopo presso il Pontificio Seminario Regionale Pugliese “Pio XI” di Molfetta, di cui è alunno di V anno. È, inoltre, studente presso la Facoltà Teologica Pugliese e frequenta l’ultimo anno del ciclo istituzionale. 

Gallipoli, Le Storie. è un format a puntate, interamente online: venti episodi, nella prima "stagione", ovvero venti storie di cinque minuti ciascuna per un numero di stagioni “infinite”. Racconti provenienti dalle strade, dalle corti, attraverso le chiese e i frantoi: i cittadini di Gallipoli prendono parte a questa narrazione collettiva che si propone come uno scavare nell’immaginario cittadino. Una sorta di carta d’identità della città attraverso gli occhi e i cuori di chi la vive quotidianamente e ne custodisce i saperi e i tesori. 

Il principale obiettivo è quello di favorire uno slancio culturale della Città, anche attraverso l'approfondimento di personaggi, storie di vita vissuta e urbana, dei profondi sentimenti religiosi che ha reso il territorio una comunità. L’obiettivo subordinato al primo è quello di raccontare, attraverso i potenti mezzi dei social network, delle piccole pillole su Gallipoli per far scoprire agli utenti la bellezza che la città racchiude come un prezioso scrigno, ricco di tesori e segreti che vengono raccontati in maniera moderna e funzionale. 

Gallipoli, 17 dicembre 2020

Immagini della notizia

Direttiva per la qualità dei servizi on line e la misurazione della soddisfazione degli utenti

Commenta la seguente affermazione: "ho trovato utile, completa e corretta l'informazione."
  • 1 - COMPLETAMENTE IN DISACCORDO
  • 2 - IN DISACCORDO
  • 3 - POCO D'ACCORDO
  • 4 - ABBASTANZA D'ACCORDO
  • 5 - D'ACCORDO
  • 6 - COMPLETAMENTE D'ACCORDO
X
Torna su